METTITI IN CONTATTO CON NOI

Informativa ai sensi dell'art.13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

091 Art Project di Costantino Ferrara non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo, come disabilitarli e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

RICHIEDI INFORMAZIONI

-
- - -

Compila i seguenti campi per ricevere informazioni su quest’opera.

REGISTRAZIONE ALLA NEWSLETTER

Ai sensi del d.lgs. 196/2003, La informiamo che:
a) titolare del trattamento e' DIECIPIU' SRLS, 90144 PALERMO (PA), VIA MONTE CUCCIO 30
b) responsabile del trattamento è EVA OLIVERI, 90144 PALERMO (PA), VIA MONTE CUCCIO 30
c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter e per l'invio (anche via email) di informazioni relative alle iniziative del Titolare;
d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta;
e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)

ACCEDI


PASSWORD DIMENTICATA?

Inserisci la tua email per ricevere la password nella tua casella di posta.

Richiesta quasi conclusa:

Reinserisci la tua email per continuare.

RICHIEDI FOTO OPERA

Grazie di esserti iscritto alla newsletter. Riceverai una e-mail di conferma all'indirizzo indicato.

Se vuoi registrarti al sito per usufruire dei servizi per gli utenti registrati clicca qui oppure
Se vuoi aggiungere l’artista ai preferiti devi registrarti al sito. Clicca qui

Se sei già registrato ACCEDI

Opere d'Arte in vendita di Alessandro Papetti
+ segui quest’artista

(Italia, 1958)   Views: 2

ALESSANDRO PAPETTI è nato a Milano nel 1958, dove vive e lavora.

Gli anni dal 1980 al 1986 sono stati quelli della ricerca e delle prime mostre personali cui segue la partecipazione, dal 1988, a rassegne in spazi pubblici in Italia. Tra il 1988 e il 1990 la sua pittura si concentra sul tema dei Ritratti visti dall’alto, ciclo al quale, nel 1989 Giovanni Testori dedicherà un articolo sul “Corriere della Sera”. A questa visione grandangolare della realtà seguirà tra il 1990 e il 1992 un ciclo di dipinti intitolato Reperti, nei quali l’attenzione è focalizzata più sul particolare: una sorta di studio analitico sulla forma, sulle tracce lasciate dal tempo in atelier e interni di fabbrica. Come naturale conseguenza Papetti, dal 1992 approfondirà la sua ricerca sui temi dell’archeologia industriale, come testimonia, tra le altre, la mostra ai Musei Civici di Villa Manzoni di Lecco del 1996.

 

Dal 1992 partecipa a rassegne in spazi pubblici e a varie fiere dell’arte in Europa e negli Stati Uniti. Dal 1995 svolge la sua attività tra Milano e Parigi.

È di quell’anno l’incontro con lo scrittore e biografo James Lord, che gli dedicherà nel 1996 un significativo testo critico. La pittura di Papetti in quel periodo segue Continua a leggere ...

ALESSANDRO PAPETTI è nato a Milano nel 1958, dove vive e lavora.

Gli anni dal 1980 al 1986 sono stati quelli della ricerca e delle prime mostre personali cui segue la partecipazione, dal 1988, a rassegne in spazi pubblici in Italia. Tra il 1988 e il 1990 la sua pittura si concentra sul tema dei Ritratti visti dall’alto, ciclo al quale, nel 1989 Giovanni Testori dedicherà un articolo sul “Corriere della Sera”. A questa visione grandangolare della realtà seguirà tra il 1990 e il 1992 un ciclo di dipinti intitolato Reperti, nei quali l’attenzione è focalizzata più sul particolare: una sorta di studio analitico sulla forma, sulle tracce lasciate dal tempo in atelier e interni di fabbrica. Come naturale conseguenza Papetti, dal 1992 approfondirà la sua ricerca sui temi dell’archeologia industriale, come testimonia, tra le altre, la mostra ai Musei Civici di Villa Manzoni di Lecco del 1996.

 

Dal 1992 partecipa a rassegne in spazi pubblici e a varie fiere dell’arte in Europa e negli Stati Uniti. Dal 1995 svolge la sua attività tra Milano e Parigi.

È di quell’anno l’incontro con lo scrittore e biografo James Lord, che gli dedicherà nel 1996 un significativo testo critico. La pittura di Papetti in quel periodo segue parallelamente i temi degli interni e dei ritratti con particolare attenzione allo studio e all’approfondimento del nudo, temi scelti per la rassegna La forza dell’immagine, la pittura del realismo in Europa, tenutasi al  Martin-Gropius Bau di Berlino nel 1996, così come nella mostra Sui Generis al PAC di Milano, curata da Alessandro Riva.

Queste ricerche, unite all’esigenza di “uscire”, di porsi nei confronti del “contenitore” con un atteggiamento psicologico differente, hanno portato dal 1998 alla realizzazione dei dipinti del ciclo Acqua, esposti per la prima volta alla Galleria Forni di Milano nel 1999. Corpi sospesi in piscine immobili oppure, come nella serie Il bagno di notte, colti nell’attimo prima di immergersi nel nero di un mare illuminato solamente da una luce livida e lunare. Sono tra le prime immagini di figure rappresentate in un esterno.

 

Come conseguenza di questo nuovo ciclo pittorico e del precedente dedicato agli ambienti industriali, nascono i Cantieri navali. Tra le prime mostre dedicate a questo nuovo tema ricordiamo quella presso la Galleria dello Scudo di Verona del 2003. Porti industriali, bacini di carenaggio e giganteschi scafi, corpi di navi espressi nella loro grandezza e nella loro fragilità.

Tra il 2003 e il 2004 viene invitato a partecipare a numerose rassegne museali, come la mostra dedicata a Testori a Palazzo Reale di Milano o la mostra La ricerca dell’identità curata da Vittorio Sgarbi ed esposta in diversi spazi pubblici in Italia.

Nel 2005 partecipa alla rassegne Miracolo a Milano a Palazzo della Ragione e Il paesaggio italiano contemporaneo a Palazzo Ducale a Gubbio. Nello stesso anno la Fondazione Mudima gli dedica una prima retrospettiva dal titolo Il disagio della pittura, nella quale Papetti espone gli ultimi vent’anni della sua pittura in una selezione di opere che parte dalle “testoriane” figure riprese dall’alto, agli ultimi dipinti di quel periodo sul tema della città.

 

Sei mesi più tardi, la mostra dal titolo Il ventre della città. Veloci “ritratti” di paesaggio urbano, un “passare veloci” attraverso strade e piazze davanti a persone e palazzi dentro ai quali la vita sembra scorrere immobile e dove le finestre rappresentano il passaggio tra il dentro e il fuori, tra la vita intima e segreta e quella condivisa obbligatoriamente nel caos di uno spazio che corre veloce. Scansioni di tempo e di luoghi rappresentati nella mostra fondamentalmente dai due temi contrapposti esterno-interno.

Papetti in tutti questi anni ripercorre periodicamente, rivisitandoli, i suoi cicli pittorici passati. L’interesse per il tema dell’archeologia industriale lo porta a continue ricerche nel modo e nei soggetti e alla realizzazione di una serie di dipinti dedicati agli ex stabilimenti della Renault, esposti nel 2007 nel Musée des années 30 di Parigi, in una mostra dal titolo Île Seguin.

 

Sempre nel 2007 Sgarbi lo invita a partecipare alla mostra di Palazzo Reale di Milano Arte italiana. 1968-2007 Pittura. L’artista partecipa anche alla rassegna La nuova figurazione italiana. To be continued... presso la Fabbrica Borroni di Bollate.

Nel 2011 Papetti è invitato a partecipare al Padiglione Italia della Biennale d'Arte di Venezia intitolato L'arte non è cosa nostra.

Opere di Alessandro Papetti

Ordina per:
Senza Titolo
Alessandro Papetti

PREZZO SU RICHIESTA