METTITI IN CONTATTO CON NOI

Informativa ai sensi dell'art.13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

091 Art Project di Costantino Ferrara non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo, come disabilitarli e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

RICHIEDI INFORMAZIONI

-
- - -

Compila i seguenti campi per ricevere informazioni su quest’opera.

REGISTRAZIONE ALLA NEWSLETTER

Ai sensi del d.lgs. 196/2003, La informiamo che:
a) titolare del trattamento e' DIECIPIU' SRLS, 90144 PALERMO (PA), VIA MONTE CUCCIO 30
b) responsabile del trattamento è EVA OLIVERI, 90144 PALERMO (PA), VIA MONTE CUCCIO 30
c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter e per l'invio (anche via email) di informazioni relative alle iniziative del Titolare;
d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta;
e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)

ACCEDI


PASSWORD DIMENTICATA?

Inserisci la tua email per ricevere la password nella tua casella di posta.

Richiesta quasi conclusa:

Reinserisci la tua email per continuare.

RICHIEDI FOTO OPERA

Grazie di esserti iscritto alla newsletter. Riceverai una e-mail di conferma all'indirizzo indicato.

Se vuoi registrarti al sito per usufruire dei servizi per gli utenti registrati clicca qui oppure
Se vuoi aggiungere l’artista ai preferiti devi registrarti al sito. Clicca qui

Se sei già registrato ACCEDI

Opere d'Arte in vendita di Stefano Arienti
+ segui quest’artista

(Italia, 1961)   Views: 2

STEFANO ARIENTI nasce ad Asola, provincia di Mantova, nel 1961. Vive e lavora a Milano.

Dopo la laurea in Agraria a Milano, Stefano Arienti si avvicina al mondo artistico frequentando la Brown Boveri, fabbrica abbandonata nel quartiere di Isola a Milano, che diventa luogo di incontro e sperimentazione per i giovani artisti.

Fin dall'inizio la sua vocazione artistica è rivolta verso la rielaborazione e trasformazione di immagini ed oggetti di uso comune.Manipolando materiali poveri e di uso comune - tra i quali: la carta, i libri, le immagini di cartoline, poster, fotocopie, plastica o stoffa -  che trasforma attraverso intuizioni personali e processi sempre nuovi, che spesso rendono l'opera irriconoscibile da come era l'oggetto in origine. Opere che stupiscono lo spettatore e lo invitano a riflettere e ne stimolano anche l'interazione.

Molto importante per la maturazione artistica di Stefano Arienti, è l'incontro con Corrado Levi, gli fa apprezzare il lavoro degli artisti  influenzati dall'Arte Povera. Tra tutti Alighiero Boetti, per il quale ci sono delle citazioni anche nei suoi lavori. HA avuto una forte influenza anche Tony Cragg con il suo modo di riutilizzo dei rifiuti. Lo stesso Levi, nel 1986, lo fa esporre nel suo studio, li Arienti presenta i lavori su diversi materiali, quali: sacchetti di plastica tagliati come "Alghe e una serie di sculture di carta, le cosidette "Turbine".

Tra le Continua a leggere ...

STEFANO ARIENTI nasce ad Asola, provincia di Mantova, nel 1961. Vive e lavora a Milano.

Dopo la laurea in Agraria a Milano, Stefano Arienti si avvicina al mondo artistico frequentando la Brown Boveri, fabbrica abbandonata nel quartiere di Isola a Milano, che diventa luogo di incontro e sperimentazione per i giovani artisti.

Fin dall'inizio la sua vocazione artistica è rivolta verso la rielaborazione e trasformazione di immagini ed oggetti di uso comune.Manipolando materiali poveri e di uso comune - tra i quali: la carta, i libri, le immagini di cartoline, poster, fotocopie, plastica o stoffa -  che trasforma attraverso intuizioni personali e processi sempre nuovi, che spesso rendono l'opera irriconoscibile da come era l'oggetto in origine. Opere che stupiscono lo spettatore e lo invitano a riflettere e ne stimolano anche l'interazione.

Molto importante per la maturazione artistica di Stefano Arienti, è l'incontro con Corrado Levi, gli fa apprezzare il lavoro degli artisti  influenzati dall'Arte Povera. Tra tutti Alighiero Boetti, per il quale ci sono delle citazioni anche nei suoi lavori. HA avuto una forte influenza anche Tony Cragg con il suo modo di riutilizzo dei rifiuti. Lo stesso Levi, nel 1986, lo fa esporre nel suo studio, li Arienti presenta i lavori su diversi materiali, quali: sacchetti di plastica tagliati come "Alghe e una serie di sculture di carta, le cosidette "Turbine".

Tra le numerose mostre alle quali ha partecipato Stefano Arienti, si possono citare la Biennale di Venezia (Aperto 1990, 1993); Biennale di Istanbul (1992); Cocido y Crudo, Museo Reina Sofia, Madrid (1994); XII Quadriennale di Roma, 1996 (primo premio); Fatto in Italia, Centre d'Art Contemporain, Ginevra; ICA, Londra (1997); Biennale di Gwangju (2008).

Tra le personali più recenti: MAXXI, Roma (2004); Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2005); Isabella Stewart Gardner Museum, Boston (2007); Fondazione Querini Stampalia, Venezia (2008); MAMbo (con Cesare Pietroiusti, 2008); Palazzo Ducale, Mantova (2009); Museion, Bolzano (con Massimo Bartolini, 2011).

Opere di Stefano Arienti

Ordina per:
Cupoletta
Stefano Arienti

PREZZO SU RICHIESTA