091ArtProject - Ardengo Soffici | Opere d'Arte in Vendita con Quotazioni e Prezzi

Soffici Ardengo

(Italy, 1879 - 1964)
Vedi opere

Soffici Ardengo

(Italy, 1879 - 1964)
Vedi opere

Ardengo Soffici | Opere d'Arte in Vendita con Quotazioni e Prezzi

ARDENGO SOFFICI    Rignano sull'Arno 1879 - Forte dei Marmi 1964

Fin da ragazzo si sente portato verso le arti, la pittura è la sua prima passione. Verso i tredici anni la famiglia si trasferisce a Firenze. Qui si iscrive all'Accademia di Belle Arti, poi alla Scuola del Nudo. 
Nel novembre 1900 parte per Parigi. Per vivere disegna vignette per i giornali umoristici, esegue anche figure, paesaggi e scene di vita quotidiana. Partecipa all'esposizione degli Indépendants del 1902; entra in contatto con la rivista La Plume e gli artisti simbolisti che si riuniscono al Caveau del Soleil d'Or. Qui incontra il poeta Apollinaire, quindi Picasso, Max Jacob, Salmon, Braque, Derain, Matisse, Gris, Manolo, Serge Ferat, Hélène d'A533;ttingen, e personaggi rilevanti di quella irripetibile stagione. 
Rientrato brevemente in Toscana nel 1903, conosce Papini, direttore della rivista Leonardo ; successivamente Prezzolini: saranno i suoi più forti legami intellettuali. 
Torna in Italia nel 1907, nella casa materna di Poggio a Caiano che abiterà per tutta la vita. Con Papini e Prezzolini nel 1908 inizia l'avventura de La Voce : pubblica testi su Medardo Rosso, l'Impressionismo, Picasso e Braque, che avranno conseguenze importanti per la cultura italiana. Nel 1910 organizza la grande mostra sugli impressionisti che si tiene a Firenze sotto l'egida de La Voce . Del 1911 è il saggio su Arthur Rimbaud 
Con Papini, nel 1913, fonda la rivista Lacerba , presto organo del futurismo; partecipa alle mostre organizzate dai futuristi in Italia e all'estero. Nel 1913 pubblica Cubismo e oltre ; nel 1915 Giornale di bordo BIF§ZF+18 Simultaneità e Chimismi lirici. 
Nel 1914, a Parigi, è in contatto con Apollinaire e l'ambiente de Les Soirées de Paris , conosce Cendrars e i fratelli de Chirico. 
Allo scoppio della guerra parte volontario. Due volte ferito, decorato al valore, ne scrive in Kobilek, giornale di battaglia , 1918, e in La ritirata del Friuli , 1919. 
Tornato a Poggio, sposa Maria Sdrigotti di Udine che gli darà tre figli. 
Nel 1920 fonda la rivista personale Rete mediterranea , in cui dichiara il suo rinnovato spirito creativo orientato al realismo. A Firenze tiene una importante personale. Collabora alla rivista Valori Plastici ; per queste edizioni, 1922, una monografia sulla sua pittura con testo di Carrà. Fra le due guerre è intensa l'attività pubblicistica e numerose sono le mostre, anche alla Biennale di Venezia e alla Quadriennale di Roma, che lo pongono fra i protagonisti dell'arte italiana. 
Nel 1923-24 trasferimento a Roma: Soffici è nella redazione del quotidiano Nuovo Paese , poi Corriere Italiano. Rientrato al Poggio, collabora alla rivista di Maccari Il Selvaggio e a L'Italiano di Longanesi. 
Da Hoepli, nel 1933, esce la monografia su di lui con testo di Papini. Tra i libri di maggior riscontro: Elegia dell'Ambra , 1927, Periplo dell'arte , 1928 , Taccuino d'Arno Borghi , 1933 , Ritratto delle cose di Francia , 1934, Marsia e Apollo , 1938. Nel 1939 è nominato Accademico d'Italia. 
Nel 1944 viene fermato, per alcuni mesi, dalle forze alleate; tornato a Poggio, nel 1946, riprende il lavoro artistico e letterario. 
Pubblica da Vallecchi Autoritratto di artista italiano nel quadro del suo tempo , 1951-1955. Per quest'opera gli viene conferito il Premio Marzotto, 1955. Presso lo stesso editore cura in sette volumi le sue Opere letterarie. 
Il 19 agosto 1964 muore nella casa estiva di Vittoria Apuana. È sepolto nel cimitero di Poggio a Caiano.

 

Condividi su i social:
Opere dell'Autore
Campagna a Caiano, 1963
On sale
PREZZO SU RICHIESTA
Opere dell'Autore
Campagna a Caiano, 1963
On sale
PREZZO SU RICHIESTA