Yandex.Metrika counter
091 Art Project | Piotr Uklanski | Autunno nel suo segno!

Piotr Uklanski | Autunno nel suo segno!

by Admin

Creato il 29/10/2020
Piotr Uklanski | Autunno nel suo segno!

Piotr Uklanski tra fotografia e pittura:      doppio appuntamento in Italia e                                Germania.

Attualmente i lavori del poliedrico artista Piotr Uklanki, sono protagonisti in una doppia esposizione a Milano e Berlino, che coinvolgono rispettivamente gli ultimi dipinti su tela di Uklanski e le sue celebri fotografie.
A seguire, nel dettaglio, le mostre in corso.

                 Galleria Massimo De Carlo       Piotr Uklanski | How they met themselves

La galleria Massimo De Carlo presenta dal 15 ottobre 2020 How They Met Themselves,  la prima mostra personale di Piotr Uklański negli spazi espositivi di Palazzo Belgioioso a Milano.
Per How They Met Themselves, Piotr Uklański amplia una nuova serie di opere figurative avviata nei primi mesi del 2020 e presentata questa estate all’interno di un progetto pubblico organizzato dalla Art & Newport Foundation presso la Belmont Chapel, nel cimitero di Rhode Island. L’artista celebra le protagoniste delle opere dei preraffaelliti, confraternita di artisti fondata a Londra nel 1848 che rifiutava il classicismo rinascimentale della cultura accademica del tempo, preferendogli una maniera carica di suggestioni occulte ed erotiche ispirata all’arte italiana quattrocentesca.
Uklański ripensa i ritratti di queste muse, modelle e mogli dei preraffaelliti, non come un repertorio di bellezze al femminile, ma in una sorta di misteriosa sorellanza tra loro.

Questi dipinti aprono una nuova strada formale nella pratica già poliedrica di Uklański, concettualmente si basano su un’attività longeva di Uklański con cui sfida i tropi della cultura visiva contemporanea, dall’emblematica opera del 1998 The Nazis, che presenta busti di attori nelle vesti di membri del Terzo Reich, alla recente serie di dipinti Ottomania (2017 - in corso), che reinterpreta ritratti di modelli europei in vesti e significanti orientali. 

               Martin Gropius Bau, Berlino                       Masculinities. Liberation through                                      photography

La mostra che si è tenuta fino al 17 Maggio alla Barbican Art Gallery di Londra, si sposta alla MARTIN GROPIUS BAU, di Berlino dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021.

"In un momento in cui le idee sulla mascolinità stanno attraversando una crisi globale e concetti come mascolinità "tossica" e "fragile" stanno plasmando il discorso sociale, oltre 300 opere di 50 artisti internazionali come Laurie Anderson, Richard Avedon, Rotimi Fani-Kayode, Peter Hujar, Isaac Julien, Annette Messager, Catherine OpiePiotr Uklanski e Wolfgang Tillmans offrono un panorama di esplorazioni filmiche e fotografiche della mascolinità piene di contraddizioni e complessità. Toccando temi di patriarcato, potere, identità queer, razza, classe, sessualità, stereotipi ipermascolini e percezioni femminili degli uomini, le opere presentano la mascolinità come un'identità performativa non fissata."

 (In foto Untitled "The Nazist" di Piotr Uklanski)