Yandex.Metrika counter
Julian Opie | Biografia ed Opere su 091 Art Project

Julian Opie | Biografia ed Opere su 091 Art Project

Opie Julian

( United Kingdom , 1958 )

Opie Julian

( United Kingdom , 1958 )

Julian Opie


BIOGRAFIA, PRINCIPALI ESPOSIZIONI, MUSEI E QUOTAZIONI DELLE OPERE DI JULIAN OPIE


Biografia di Julian Opie

Julian Opie è nato a Londra nel 1958. Ha studiato dal 1979 al 1982 alla alla Goldsmith's School of Art di Londra.
Inserito nel movimento New British Sculpture (insieme ad artisti come: Richard Deacon, Anish Kapoor, Tony Cragg, Anthony Gormley), Opie è sicuramente uno degli artisti britannici contemporanei più acclamati ed il suo lavoro è riconosciuto in tutto il mondo. 

L'arte di Julian Opie ha delle caratteristiche che lo avvicinano molto all'idea di Pop-Art. Al centro della sua ricerca c'è la figura umana. Realizza paesaggi, ma soprattutto ritratti e figure animate in movimento; riecheggiando il linguaggio dei segni e simboli riduce al minimo i dettagli, utilizza campiture di colore piatte e contorna le forme con spessi tratti neri.
E' tra la fine degli anni Novanta e i primi Duemila che Opie mette a punto la sua originale cifra stilistica, attraverso tutte queste peculiarità che rendono le opere sue "iconiche" ed immediatamente riconoscibili. 

Julian Opie lavora con diversi media, spaziando dalla pittura alla scultura, dai film alle installazioni pubbliche. Spesso nei suoi lavori interagisce con i mezzi elettronici per andare oltre il confine dei media tradizionali della pittura e scultura.
Ritrae membri della sua famiglia, amici e lavoratori nel suo studio, nonché passanti anonimi e collezionisti commissionari.
Julian Opie non è interessato solo alle mostre in musei e gallerie, ma è coinvolto anche nella presentazione e realizzazione di opere pubbliche in città di tutto il mondo, in particolare: Dentsu Building (Tokyo), City Hall Park (New York), River Vltava (Praga), Dublin City Gallery (Dublino), Seoul Square (Seoul), Regent's Place (Londra), Calgary (Canada), St Mary's Hospital (Londra), Carnaby Street (Londra).
Oltre alle installazioni pubbliche, ha ricevuto importanti commissioni nel campo musicale, come quella per il design della copertina dell'album per la band pop britannica Blur nel 2000, grazie alla quale ha ricevuto un premio al Music Week CADS. Nel 2006, ha creato una proiezione LED per il tour mondiale Vertigo degli U2. Inoltre nel 2008 Opie ha creato una scenografia per il balletto Infra di Wayne McGregor per la Royal Opera House di Londra. E nel 2010, è stato incaricato dalla National Portrait Gallery di Londra di creare un ritratto dell'inventore e ingegnere Sir James Dyson, titolato "James, Inventor ".

Opie attualmente vive e lavora a Londra.


Principali esposizioni di Julian Opie

Julian Opie è attualmente nel pieno della sua attività e conta oltre 700 esposizioni pubbliche, tra cui più di 200 mostre personali.

La prima mostra personale di Julian Opie si è tenuta alla Lisson Gallery nel 1983.
Tra le mostre museali che, meritano particolare menzione, ci sono: Kunsthalle Bern, Berna (1991); Kunstverein Hannover (1994); Stadtgalerie am Lehnbachhaus, Monaco di Baviera (1999); Tensta Konsthall, Stoccolma (1999); "Projects 77: Billboards" Museum of Modern Art, New York (2002); Neues Museum, Norimberga (2003); Public Art Fund, City Hall Park, New York (2004-5); CAC, Malaga (2006); Museum Kampa, Praga (2007); National Portrait Gallery, Londra (2011); Tate Britain, Londra (2013); Barbican Art Gallery, Londra, Regno Unito (2014); MoCAK (Museum of Contemporary Art Krakow), Cracovia (2014);  Kunsthalle Helsinki (2015); The Vittoria & Albert Museum, Londra (2016); The Art Institute of Chicago (2017); MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma (2018); National Museum of Contemporary Art, Atene (2018); National Museum of Modern Art, Tokyo (2019); Berardo Museum, Lisbona (2020); Kunsthaus, Berlino (2021); Tampa Museum of Art, Tampa (2022).

Julian Opie è stato protagonista anche di importanti biennali in tutto il mondo, come: la XII Biennale di Parigi (1985); Documenta 8, Kassel (1987); XI Biennale di Sydney (1998); Biennale di Shangai (2006); 56a Biennale di Venezia (2015); Manifesta 11 (2016); 57a Biennale di Venezia (2017); Setouchi Triennale (2016, 2019, 2022).


Julian Opie | Mercato & Quotazioni

Le opere di Julian Opie sono tra le più riconosciute e ricercate nel mondo. E' relativamente facile trovare opere multiple sul mercato, di contro, diventa più difficile trovare le opere uniche.
Tra le gallerie internazionali che Spesso i suoi lavori vengono proposti nelle principali fiere d'arte al mondo, tra cui Art Basel (Basilea, Hog Kong, Miami, Parigi), TEFAF (Maastricht), Frieze (Londra, New York) da gallerie di alto livello internazionale, come la Lisson Gallery (Londra) e la Krakow Witkin Gallery (Boston).
Le opere più ricercate di Julian Opie sono ovviamente i dipinti ad opera unica.
Il prezzo di aggiudicazione più alto è stato raggiunto nel 2021 dall'opera Walking in Sadang-dong in the Rain (2014), venduta a circa $300.000, in Corea del Sud. 
Il mercato di Julian Opie è diffuso a livello mondiale, è impossibile determinarne solo uno che investa prevalentemente sulle sue opere. 


Julian Opie | Nei musei

Sono oltre settanta i musei nel mondo in cui le opere di Julian Opie sono in collezione:

STATI UNITI
- Museum of Modern Art (MoMA), New York
- Museum of Fine Arts, Boston
- Carnegie Museum, Pittsburgh
- Davis Museum, Wellesley College, Boston
- Denver Art Museum, Denver
- Institute of Contemporary Art Boston (ICA), Boston
- Farnsworth Art Museum, Rockland
- Hall Art Foundation, Reading
- Try-me, Richmond
- The West Collection, Oaks
- Kresge Art Museum, Michigan State University, East Lansing
- Wadsworth Athenaeum, Hartford, Connecticut

GRAN BRETAGNA
- The Tate Gallery, Londra
- The British Museum, Londra
- The Victoria and Albert Museum, Londra
- National Portrait Gallery, Londra
- Arts Council of Great Britain, Londra
- Contemporary Art Society, Londra
- The British Council, Londra
- The Government Art Collection, Londra
- The Tate, Liverpool
- Towner, Eastbourne
- Southampton City Art Gallery, Southampton

SCOZIA
- Aberdeen Art Gallery, Scozia

IRLANDA
- Dublin City Gallery The Hugh Lane, Dublino

AUSTRIA
- Albertina Museum, Vienna
- Collection Essl, Vienna
- Museum Moderner Kunst Stiftung Ludwig (MUMOK), Vienna
- Kunsthaus Bregenz, Bregenz
- Essl Museum - Kunst der Gegenwart, Klosterneuburg

SVIZZERA
- Kunsthaus Zurigo, Zurigo
- Daros Collection, Zurigo
- UBS Art Collection, Zurigo

GERMANIA
- Lenbachhaus Stadtische Galerie, Monaco di Baviera
- Daimler Chrysler, Dresdner Bank, Berlino
- Kunsthalle Bern, Berna
- Deutsche Bank, Francoforte
- Neue Galerie - Sammlung Ludwig, Aachen
- Neues Museum, Norimberga
- Sammlung Alison & Peter W. Klein, Eberdingen-Nussdorf

FRANCIA
- Fondation Cartier pour l'art contemporain, Parigi
- Maison Europeene de la photographie, Parigi
- Fonds National d'Art Contemporain, Parigi
- FRAC Limousin, Limoges

LIECHTERSTEIN
- Hilti Art Foundation with Kunstmuseum Liechtenstein, Vaduz

BELGIO
- Banque Bruxelles Lambert, Bruxelles

OLANDA
- Stedelijk Museum, Amsterdam

SPAGNA
- Museu d'Art Contemporani de Barcelona (MACBA),Barcellona
- CAC Centro de Arte Contemporáneo Málaga, Malaga
- Cal Cego - Colleccion de Arte Contemporaneo, Barcellona
- Museo de Arte Contemporáneo de Castilla y León (MUSAC), Léon
- Fundacion Caja de Pensiones, Madrid
- Institut Valencia d'Art Modern (IVAM), Valencia

ITALIA
- Museo d'Arte Contemporanea LUIGI PECCI, Prato
- Terrae Motus, Caserta

GRECIA
- National Museum of Contemporary Art, Atene

PORTOGALLO
- Berardo Museum, Lisbona
- The Calouste Gulbenkian Foundation, Lisbona

POLONIA
- Museum of Contemporary Art Krakow, Cracovia

UNGHERIA
- The Somlói–Spengler Collection, Budapest

NORVEGIA
- Gjensidige, Oslo
- Museet for Samtidskunst, Oslo

FINLANDIA
- Espoo Museum of Modern Art, Espoo

TURCHIA
- Elgiz Museum Collection, Istanbul

ISRAELE
- The Israel Museum, Gerusalemme

GIAPPONE
- The National Museum of Modern Art, Tokyo
- Dentsu Building, Tokyo
- Karuizawa New Art Museum, Karuizawa
- The National Museum of Art, Osaka
- Takamatsu City Museum of Art, Takamatsu
- Taguchi Art Collection

COREA DEL SUD
- Gana Art Centre, Seoul

HONG KONG
- M + Museum, West Kowloon, Hong Kong
- Burger Collection, Hong Kong

BERMUDA
- Art Collection of the Hamilton Princess Hotel & Beach Club, Bermuda

AUSTRALIA
- National Gallery of Victoria, Melbourne
- Queensland Art Gallery, Queensland

Condividi su i social: