Meese Jonathan

(Japan, 1970)
Vedi opere

Meese Jonathan

(Japan, 1970)
Vedi opere

Jonathan Meese è nato il 23 gennaio 1970 a Tokyo, il figlio di genitori tedeschi-gallesi.

Durante l'infanzia,  ritornò con la madre in Germania. Il padre, che era rimasto in Giappone, morì nel 1988. Nel 1989 si diploma presso la scuola Stormarn Ahrensburg. Inizia gli studi di economia, ma ben presto li interruppe. Tuttavia, ha trovato il suo interesse per le arti visive. Dal 1995 al 1998 ha studiato presso l'Accademia di Belle Arti di Amburgo con Franz Erhard Walther; anche questo studio si interruppe senza una laurea. 

La Contemporary Fine Arts "CFA" di Berlino, è stata la sua prima galleria.

Dal 1998, ha richiamato l'attenzione su di sé con installazioni, performance e azioni nella scena artistica. Alla Biennale di Berlino 1998 Meese ha presentato l'installazione "Ahoi der Angst", un collage di foto e la dedite al Marchese de Sade, soggetto apparso anche nei seguenti lavori.

Audace auto-promotore, ha trovato ben presto, attraverso apparizioni pubbliche provocatorie, l'interesse dei media che velocemente resero popolare il suo nome, anche al di fuori dal mondo dell'arte. Dal 1999 è presente, a livello nazionale e internazionale, con le sue installazioni e performance in mostre collettive e personali. 

Collabora, tra l'altro, con pittori come Jörg Immendorff, Albert Oehlen e Daniel Richter. Il suo lavoro include il tentativo, spesso aggressivo, di affrontare la mitologia tedesca e "malattia tedesca". Così, si è concentrato anche su Adolf Hitler e ha mostrato ripetutamente e provocatoriamente "saluto nazista".  Il tema della “dittatura dell'arte” permea le opere e i manifesti di Meese nei quali esprime le sue idee in modo aggressivo, anarchico e con grande verve. La grande opera creata per Montblanc “DIE 2 (SÜSSIS) im milchfrischen SCAR- LETTIERBABYLAND de lovely PIE”, una sorta di collage pittorico basato sull'attrice americana Scarlett Johansson, accentuato da foto dell'artista, fa parte di questo approccio. In un'intervista del 2008, Meese ha detto: “La dittatura dell'arte è governata dalle cose, come la luce, il respiro, la gelatina, l'amore o la bellezza totale, come ad esempio Scarlett Johansson."

Con 150 opere espone alla Deichtorhallen di Amburgo con il titolo "Mama johnny" dal 30 aprile 2006 al 3 settembre 2006. Nello stesso anno, la rivista economica "Capital" lo inserisce tra i cento più importanti artisti contemporanei. Dal 2008 ha progettato la medaglia per Roland Berger premio dignità umana. 

Attualmente le opere di Jonathan Meese sono in collezione in 23 musei nel mondo:

AUSTRIA: Essl Museum - Kunst der Gegenwart, Klosternenburg

DANIMARCA: Statens museum for kunst, Copenhagen

Luisiana Museum of Modern Art, Humlebæk

FRANCIA: CAPC - Musée d'art contemporain, Bordeaux

FRAC - Auvergne, Clermont Ferrand

Centre Pompidou, Parigi

Museo d'Arte Moderna e Contemporanea (MAMCS), Strasburgo

GERMANIA: About Change, Berlino

Ammlung Boros, Berlino

Stadel Museum, Francoforte

Sammlung Falckenberg, Amburgo

Sammlung Reinking, Amburgo

Galerie fur Zeitgenossische Kunst (GfZK), Lipsia

Städtisches Museum Abteiberg, Mönchengladbach

SØR Rusche Sammlung Oelde/Berlin, Oelde-Stromberg

Kunsthalle Suedwestfalen, Werdohl

SVEZIA: Magasin 3 Stockholm Konsthall, Stoccolma

SVIZZERA: Bromer Art Collection (BAC), Rogg­wil-Kal­ten­her­berg

USA:  The Margulies Collection, Miami

FLMuseum of Contemporary Art North Miami (MOCA), Miami

FLRubell Family Collection, Miami

REGNO UNITO: The Saatchi Gallery, Londra

Zabludowicz Collection London, Londra

Leggi tutto

Condividi su i social:
Opere dell'Autore
Libertinage, 2000
On sale
PREZZO SU RICHIESTA
Opere dell'Autore
Libertinage, 2000
On sale
PREZZO SU RICHIESTA